24 aprile 2007

E se cambiassimo casa?!

Dieci giorni fa mi telefona la solita agente immobiliare e mi dice che qui vicino casa mia si venderebbe una casa di 135 metri, affaccio interno/esterno, bella via, quarto piano, tre camere da letto, due bagni, due ripostigli, prezzo....di molto inferiore ai soliti prezzi gonfiati e insostenibili degli ultimi anni.
L'idea dei due ripostigli mi solletica, ma, no grazie, non mi interessa, saluto e chiudo.
Passeggiando con mia madre, passo a vedere il portone e ci facciamo un po' di risate, perchè il portone l'hanno appena rinnovato, ma sembra di stare in Alto Adige per la quantità di doghe in legno con le quali è stato rivestito.
Chiamo la signorina e dico che si lo voglio visionare, l'idea dei due ripostigli mi solletica sempre di più!.
Il lunedì, giorno dell'appuntamento, passo in agenzia e dico di rinviare l'appuntamento al martedì, così lo posso vedere con mia madre che il lunedì non poteva.
Di tutto ciò, mia madre ignora tutto, e mio marito, anche.
Lo dico a mio marito.
Si incazza.
Giustamente.
Ma giuro che avevo scartato qualsiasi idea di considerare l'idea di cambiare casa per la baita.
Si incazza lo stesso.
Gi spiego che mia madre non sa niente e che fa parte della mia terapia antidepressione per mia madre, e che insomma ero una "perditempo".
Si incazza sempre di più.
Allora dico che, si, ha ragione, che se lo facesse lui mi incazzerei anche io, quindi a mia madre, che non sapeva niente del "nostro" appuntamento, non dico niente e chiedo a lui di andarci insieme.
La risposta è no.
Visto che ci vai per perdere tempo. Io ho da lavorare!
Arriva il martedì e continuo a chiedergli di venire, ma lui non demorde.
Alla fine lo chiamo e gli dico di venire perchè visto che ci devo adare che venga con me, anche per far pace.
Ci viene.
Ci andiamo.
La casa è stupenda.
CI piace, ma il prezzo è ancora troppo alto.
Grazie, arrivederci, arrivederci.
Che dici Nì?
Bella, ma troppo alto.
Si, troppo alto.
Il giorno dopo, passeggiando con mia suocera, le faccio vedere il portone, le spiego tutto, solo della casa, non della lite!
La vediamo? faccio io, la vediamo, fa lei.
Chiamo: la signorina fa: ci vediamo alle 12? Ma, sarei già qui, sa? passavo, non è che ci vediamo adesso?
Arrivo.
Arriva.
Oli, ti piace? molto! tanta luce, tanto spazio (e due ripostigli).
Ok, grazie, arrivederci, arrivederci.
Il giovedì porto mia madre: ok, butta tutto giù, rotea le stanze, metti il palazzo sottosopra e la casa viene bellissima! (come sempre quando mia madre vede una casa).
Ok grazie, arrivederci, arrivederci.
Che dici, Nì, troppo alto, si troppo alto.
Ieri mattina passo per educazione dalla agenzia e dico ci siamo parlati e il prezzo è troppo alto, se scende di cinquantamila, mi faccia una telefonata, la signorina, mi fa che, si, senz'altro, ma che la casa è stata acquisita da troppo poco tempo per un'offerta così al ribasso, e che se qualcuno vuole fare un'altra offerta, mi avverte.
Va benissimo così, grazie, arrivederci, arrivederci.
Porto Peppe al giardino, vado a prendere Sveva da scuola e torno a casa.
Non faccio in tempo ad aprire la porta che Nì con il telefono in mano mi dice: hanno chiamato, tolgono i cinquantamila.
Ah! (una smorfia tra il riso e il pianto si impossessa del mio viso).

10 commenti:

  1. e che cavolo! 'ste notizie le dai così???

    RispondiElimina
  2. cambiare dà sempre molta allegria, io ci penserei su. sempre che i 50mila di cui sono scesi siano una percentuale considerevole del totale.
    baci dal belgio

    RispondiElimina
  3. 50.000 sono cmq una cifra considerevole, il mio cruccio è lasciare questa bellissima e amatissima casa dove viviamo ora! Che per forza di cose dovremo vemdere! sigh sigh sigh!

    RispondiElimina
  4. niente di definitivo..siamo già tornati. tre giorni di lavoro, tre di vacanza, sei di birra buona.
    giusto per curiosità, la casa nuova è sempre a madonnella?

    RispondiElimina
  5. of course!
    Da quando abitiamo qui non ce ne vogliamo più andare!
    Poichè non bisogna prendere la macchina neanche per andare a lavorare (la distanza è di tre isolati), in centro ci si va a piedi, c'è il mare che ci saluta ogni giorno, e chi se ne va da qui!! C'è il giardino per i bambini dietro l'angolo. La casa si trova nella parallela di casa mia ....e, se ti fai i conti, praticamente ti ho detto dove abito!!!
    Bye Bye anche al Baby e a Pilar!!
    ahhh, e la cioccolata?

    RispondiElimina
  6. a trenta gradi la cioccolata, per quanto ottima, ti va di meno.

    RispondiElimina
  7. vabbè....allora buttiamoci sulla birra!!
    Birra belga?

    RispondiElimina